Articoli

Tricopat: novità assoluta nel campo della tricologia

Tricopat: una nuova terapia per combattere i problemi di calvizie

La ricerca per la cura delle calvizie sembra aver trovato un valido sostegno nel Tricopat®, una novità assoluta nel campo della tricologia, il primo device brevettato e validato scientificamente capace di trattare le patologie del cuoio capelluto maschili e femminili, in modo del tutto indolore e senza iniezioni.

Come funziona Tricopat?

Progettato e brevettato completamente in Italia, in collaborazione con l’Università di Bologna, Tricopat combina l’azione contemporanea della micro-dermoincisione controllata e dell’onda pressoria per ottenere diverse azioni dinamico-ristrutturanti.

La stimolazione dell’attività del follicolo pilifero avviene attraverso le seguenti azioni:

  • Microdermoincisione controllata: senza un’evidente lesione del cuoio capelluto, si creano microscopici varchi per agevolare il passaggio dei fattori di crescita, attivando i processi rigenerativi.
  • Stimolazione ad onde pressorie: si agevola la penetrazione dei principi attivi, stimolando l’irrorazione e l’ossigenazione dei tessuti.
  • Ionoforesi: i principi attivi vengono inseriti attraverso l’epidermide come un’iniezione senza ago.
  • Elettrostimolazione: attraverso la contrazione muscolare, si generano processi di tensione e rilassamento del cuoio capelluto, al fine di favorire l’irrorazione e aprire i pori della pelle per il passaggio dei principi attivi.
  • Fotostimolazione: grazie alla luce LED, vengono stimolate le attività metaboliche delle cellule della pelle e dei follicoli piliferi.

In sintesi: una procedura semplice per l’operatore ed estremamente piacevole per il paziente.

Prossimamente nel nostro Victoria Medical Center!

 

 

RISOLLEVA I GLUTEI CON ELASTICUM

Per avere un corpo più armonioso e sensuale, dal momento che i glutei “alti” sono uno dei desideri di tutte le donne, vengono utilizzati i fili Elasticum, fili elastici di silicone ricoperti di poliestere, creati per la sospensione e per la trazione dei tessuti.

Il lifting dei glutei tramite l’impiego dei fili di sospensione è una tecnica di ultima generazione che permette di sollevare i glutei donando una maggiore proiezione delle natiche piatte e con insufficiente tonicità muscolare.

Come avviene il trattamento?

Il lifting elastico dei glutei si ottiene sollevando e compattando i tessuti sottocutanei con l’introduzione di un filo appunto elastico (ELASTICUM) che ha la caratteristica di non tagliare i tessuti, di essere impalpabile e di integrarsi con i tessuti stessi.  Inoltre, tale tipologia di filo non viene minimamente avvertita dalla paziente, non è dolorosa e non provoca alcun fastidio. Il trattamento è permanente e si tratta di una seduta di chirurgia ambulatoriale della durata di due ore circa.

Quando sottoporsi al trattamento di Elesticum?

Si consiglia il trattamento con Elasticum nei casi di:

  • quando i glutei presentano cedimento (ptosi);
  • in caso di perdita di forma dei glutei, anche se il paziente ha una modesta quantità di tessuto adiposo;
  • quando si desidera avere un gluteo ben definito e più “alto”.

Come è il post operatorio?

Il ritorno alla vita normale è estremamente rapido, grazie alla mini-invasività dell’intervento. La soluzione con fili di sospensione permette un velocissimo recupero post operatorio, di appena 3-4 giorni, e una drastica riduzione di rischi, disagi e costi. Dunque, dopo l’intervento il paziente può riprendere le normali attività quotidiane con alcuni accorgimenti legati soprattutto ai punti di sutura nella zona d’ingresso della cannula. Questo trattamento non va più ripetuto.

Se il paziente desiderasse dopo qualche anno un miglioramento ulteriore si può aggiungere un filo all’occorrenza.

 

 

29 settembre, Giornata mondiale del cuore – World Heart Day

Ogni anno, il 29 settembre, si celebra la Giornata Mondiale del Cuore, una campagna mondiale di informazione e sensibilizzazione sulla prevenzione delle malattie cardio vascolari, promossa in tutto il mondo dalla World Heart Federation attraverso una comunità di oltre 200 organizzazioni nazionali che, insieme, sostengono l’impegno della società medica e delle fondazioni per il cuore in oltre 100 paesi.

Sono, infatti, ancora allarmanti i numeri legati all’impatto delle patologie cardiovascolari in termini di mortalità. Si stima che le patologie cardiache uccidano oltre 18 milioni di persone all’anno in tutto il mondo. In Italia, sono 220.000 le vittime (127.000 donne e 98.000 uomini) ogni anno di ictus cerebrale, scompenso o infarto.

É bene, dunque, sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di prendersi cura del proprio cuore attraverso la prevenzione primaria, adottando corretti stili di vita e attività fisica costante, smettendo di fumare e diminuendo l’assunzione di sostanze alcoliche.

Quest’anno, la giornata mondiale per il cuore, ha come slogan “Usa il cuore per tutti i cuori”, perché “prendersi cura dei nostri cuori e di tutti i cuori, in questo momento è più importante che mai.

Lo slogan vuole richiamare l’attenzione sull’importanza di perseguire:

  • l’uguaglianza nell’accesso alle cure (use heart for umanity);
  • la salvaguardia dell’ambiente, riducendo in particolare l’inquinamento atmosferico che si stima sia responsabile del 25% di tutte le morti per malattie cardiovascolari (use heart for nature);
  • il benessere personale, contrastando tutti i fattori di rischio cardiovascolari modificabili e, in particolare, limitando lo stress (use heart for you).

Victoria Medical Center, particolarmente attenta al tema della sensibilizzazione sulla prevenzione delle malattie cardio vascolari, è da sempre impegnata nella formazione sul primo soccorso e rianimazione cardiopolmonare, corsi di formazione gratuiti.

Leggi la notizia 👉 https://bit.ly/Cuore2022

Ho una postura scorretta oppure no?

Quando vediamo qualcuno che cammina inclinato in avanti o un po’ accovacciato su sé stesso, è facile rendersi conto che siamo di fronte ad una postura scorretta, ma come è possibile capire qual è la postura giusta per il nostro corpo?
Dal momento che non è possibile vedersi dall’esterno, è difficile anche accorgersi del comportamento sbagliato del nostro corpo. Quando cioè, per motivi di vizio o di lavoro assumiamo posizioni che con il passare del tempo danno origine ad altri possibili disturbi.

Come determinare se siamo di fronte ad una postura scorretta?
La postura è corretta se, mettendoci davanti allo specchio di profilo, notiamo che:
La colonna vertebrale è in posizione neutra, ovvero tutte le articolazioni sono allineate su una singola linea immaginaria che attraversa il nostro corpo dalla testa ai piedi.
Quindi le orecchie saranno in linea con le spalle, le spalle in linea con i fianchi e i fianchi in linea con le caviglie.
Ad esempio, se le orecchie sono oltre questa linea rivolte in avanti potremmo essere in presenza di Cifosi, mentre se sono precedenti a questa linea, cioè spostate indietro, potremmo parlare di
Lordosi.

Aspetto in Lordosi:
Quando si hanno i fianchi in avanti e la testa spostata indietro rispetto alla linea immaginaria longitudinale che attraversa il nostro corpo.
Un segno di iperattività della parte posteriore del corpo, cioè glutei, muscoli dietro la coscia, parte bassa della schiena lavorano troppo e al contrario i flessori delle anche e degli addominali bassi subiscono la mancanza di movimento adeguato.
Alcuni metodi per correggerla sono rappresentati da esercizi di stretching e di rafforzamento delle zone muscolari precedentemente elencate.

Sindrome crociata inferiore:
Quando siamo in presenza di un inarcamento marcato della parte lombare della schiena, il problema indica un’iperattività dei flessori delle Anche e della parte bassa della schiena. In questo caso i muscoli dei glutei e degli addominali sono poco sviluppati. Potrebbe essere dovuto all’uso di scarpe con il tacco alto.

Aspetto in Cifosi:
Si verifica quando è presente un eccessivo incurvamento delle spalle, rispetto alla linea immaginaria che divide il corpo longitudinalmente. In questo caso siamo di fronte a muscoli pettorali iperattivi e muscoli della schiena poco attivi, soprattutto quelli compresi tra le scapole.

Sindrome crociata superiore:
Quando siamo in presenza di un’eccessiva inarcatura della parte dorsale in avanti. Dovuto generalmente a muscoli del petto iperattivi e muscoli della schiena poco attivi, soprattutto i muscoli intorno alle scapole.
Questa attitudine a sporgersi in avanti è dovuta anche a muscoli anteriori del collo molto attivi e al contrario quelli posteriori poco attivi.

Ecco tutti i benefici di una postura corretta.
Una postura corretta può aiutarci a vivere meglio in generale, essa infatti concorre a:

  • Mantenere ossa e articolazioni allineate, assicurando un corretto utilizzo dei muscoli
  • Diminuire l’usura delle articolazioni, favorendo una minor probabilità di sviluppare artrite.
  • Ridurre il carico del peso corporeo sulla colonna vertebrale
  • Evitare che le corrette posizioni si stabilizzino in modo anomalo sulla colonna vertebrale
  •  Prevenire mal di schiena e altri dolori muscolari
  • Ridurre il senso di affaticamento, in quanto i muscoli si muovono in modo efficiente
  •  Ridurre la probabilità di sviluppare asimmetrie e cellulite, quindi ad essere anche più armoniosi e belli.

Per ottenere un seducente lato B basta fare le scale

Sembra assurdo, ma per ottenere un seducente lato B, magari in vista di quest’estate, vi basterà armarvi di costanza e buona volontà, ma soprattutto di un gradino di casa, o di tipo step.
Seguendo dei semplici movimenti quotidiani, i glutei si tonificheranno senza traumi per la circolazione, spesso già difficoltosa per chi ha problemi di cellulite, il tono dei tessuti migliorerà così come la ritenzione idrica e la circolazione.
Non è necessario essere degli agonisti o dei patiti della palestra per ottenere glutei seducenti, basterà ricordarsi di eseguire quotidianamente quelle azioni che fanno muovere il corpo, anziché la macchina, usando anche i momenti morti della giornata.
Una di queste azioni, è ovviamente fare le scale, un’abitudine ottima se si riesce a rinunciare alla comodità dell’ascensore, rassoda la muscolatura dei glutei e brucia le calorie in eccesso, il primo gesto basilare da cui partire.
Fare le scale è un modo semplice ed economico per rimettersi in forma, si avrà la possibilità di intensificare l’allenamento in base alle nostre capacità ed al livello atletico raggiunto.

In che modo fare le scale?
Mentre salite i gradini, contraete e rilasciate i glutei in modo ritmico. Se slanciate la gamba posteriore all’indietro ne raddoppierete i benefici.
Suggerimenti – Poggiate bene il piede sul gradino e fate attenzione a non caricare eccessivamente il peso sulla caviglia. Se necessario, potete sostenervi alla ringhiera.
Svolgete tutto questo almeno per 20 minuti al giorno, in un paio di mesi non potrete credere ai vostro occhi e non riconoscerete più il vostro lato B.

Se invece vi sentite più atletiche:
Salire le scale è il modo migliore per fare ginnastica ed ottimizzare tempo e denaro. Bastano 20 minuti di salita sulle scale per bruciare 75 calorie.
La ginnastica sulle scale richiede sicuramente un buon impegno aerobico, fa bruciare i grassi e stimola l’attività cardiovascolare, rassoda la pancia e i glutei. Salire le scale migliora anche il metabolismo, grazie al movimento aerobico che lavora in sinergia con l’impegno dei muscoli.
Vediamo un po’ di esempi per capire cosa si può effettivamente fare, con la semplice scala di casa. Prima di iniziare, fate stretching per preparare i muscoli.

Step sui gradini
Di fronte alle scale, mettete il piede destro e poi toglietelo, ma contemporaneamente mettete su il sinistro. Alternate i piedi per 10 volte. Ripetete l’esercizio per altre 20 volte.
Affondi con le scale
Di fronte alle scale, ad una distanza di 30-50 cm. dai gradini, fate un affondo, mettendo il piede sul primo gradino della scala. Poi ritornate alla posizione originaria e fate la stessa cosa con l’altro piede. Quando tornate indietro è bene fare forza sui glutei mantenendosi fermi con la schiena, bacino e pancia, tenendo gli addominali.
Passi incrociati
Provate a salire le scale incrociando i vostri passi. Con questo esercizio migliorerete la coordinazione e sarete più sciolte. Potete praticare l’esercizio sia frontalmente che lateralmente.
Balzi
Di fronte alle scale, saltate sui gradini a piedi uniti, cercate di fare almeno una rampa o ripetete per 10 volte. Ricordate di molleggiare il salto lasciando le gambe sempre un po’ piegate e di aiutarvi con le braccia per rimanere in equilibrio. Questo esercizio è molto efficace per rassodare quadricipiti e glutei.

Non resta che iniziare il prima possibile, il vostro programma quotidiano per ottenere un lato B tonico e seducente.
Se invece siamo in presenza anche di grasso localizzato, se hai già provato sport e dieta nel tentativo di ridurlo, ma mai con successo, allora prendi in considerazione la Vaser Lipo.
Una nuova tecnica per la riduzione del grasso localizzato, minimamente invasiva e delicata.

LIBERI DALLE SMAGLIATURE