Articoli

Scopri qual’è il tuo trattamento ideale per ringiovanire il volto

Abbiamo tutti voglia di ringiovanire, ma che fare se aghi e bisturi ci spaventano?
Non sempre le tecniche più efficaci fanno al caso nostro, forse preferiamo dei trattamenti non permanenti, progressivi o magari desideriamo ottenere i risultati in una sola seduta.
Tutto questo è molto soggettivo, scopriamo dunque quello che fa al caso nostro confrontando alcune delle più famose tecniche.
Lifting:
Non tutti vogliono sottoporsi ad un intervento invasivo, come ad esempio il lifting del viso, una tecnica che riesce a ridurre le rughe in maniera definitiva, ma spesso troppo traumatica per il paziente. Anche il lungo decorso post-operatorio, infatti non è sempre privo di effetti indesiderati. Le incisioni del lifting del viso vengono effettuate dietro l’orecchio e si estendono fino all’attaccatura dei capelli. I muscoli vengono tesi ed ancorati per provocare un effetto tensorio definitivo che spiana le rughe in maniera irreversibile.
Iniettivi:
Le sostanze iniettive, come i filler riassorbibili o la proteina botulinica, sono efficaci, ma il risultato è transitorio.
Il più famoso filler, per il terzo medio inferiore del volto, è rappresentato dall’acido ialuronico, si tratta di una sostanza naturalmente presente nel nostro corpo ed è responsabile dell’ elasticità della pelle. Purtroppo con il passare del tempo, l’acido ialuronico iniettato tende a diminuire e a degradarsi, quindi è ha effetto limitato nel tempo, in genere si riassorbe nell’ arco di 4-6 mesi. Nel frattempo però, il volto appare più liscio, luminoso e le rughe sono meno evidenti.
L’acido ialuronico può essere iniettato direttamente sulle rughe, con punture intradermiche oppure si può utilizzare per conferire rotondità ai volumi persi a causa dell’invecchiamento.
Si possono eseguire più trattamenti nel corso dell’ anno, ma generalmente 2 sedute all’anno sono sufficienti per coprire un grado live-moderato di invecchiamento cutaneo.

Le iniezioni di botulino:
Avvengono con lo stesso meccanismo iniettivo, ma in genere si utilizzano solo per la parte superiore del volto, fronte, rughe glabellari, zampe di gallina etc. Si tratta di una tossina capace di immobilizzare i muscoli e i nervi delle aree che presentano lassità cutanea e rughe, anche marcate. Anche in questo caso gli effetti sono temporanei, a seconda del tipo di tossina si varia da 3-4 mesi a 6-8 mesi (per rughe meno marcate)

Dermastamp, Dermaroller tecnica del Needling:
Il needling medico è una tecnica innovativa, che permette la correzione di inestetismi cutanei di varia natura attraverso la stimolazione delle difese della propria pelle, si può effettuare sia con Dermaroller che Dermastamp, due dispositivi medici certificati ISO, quindi sicuri e garantiti.
Attraverso la stimolazione del fisiologico ricambio cellulare è possibile ringiovanire il volto in modo progressivo e naturale: durante la seduta, eseguita ambulatorialmente, la cute è sottoposta a microperforazioni multiple, esse possono essere effettuate tramite il Dermaroller, un rullo che monta alla sommità piccoli aghi in acciaio sterile, oppure Dermastamp una sorta di penna che esegue elettronicamente la microperforazione. Il microtrauma innesca i meccanismi di riparazione della pelle, stimola la produzione di nuovo collagene ed elastina da parte dei fibroblasti, determinando un conseguente ringiovanimento delle aree trattate.
Il needling permette di ottenere un miglioramento della luminosità e della compattezza cutanea globale del volto.
Con questa tecnica si assiste anche alla diminuzione delle macchie della pelle del volto, all’attenuazione delle piccole rughe sulle guance, del codice a barre (rughe sopra e sotto le labbra) e di alcuni tipi di cicatrici da acne.
Il needling però prevede più sedute, proprio in virtù della sua azione progressiva, in genere da 3 a 5 sedute, per un grado moderato di invecchiamento cutaneo, da effettuare a distanza di 30-60 giorni.
Si effettua con aghi di dimensioni variabili: 05mm- 1mm – 1,5mm – 2mm, in base allo spessore della pelle e delle rugosità da trattare, i microaghi creano sulla zona dei microfori
che per effetto del microtrauma, liberano localmente i fattori della coagulazione e molte citochine pro infiammatorie, con la conseguente reazione di richiamo cellulare, riparazione e formazione di nuovo collagene a livello del derma.

Rivolgiti a centri autorizzati per scoprire di più sulla tecnica del Needling da affettuare con Dermaroller o Dermastamp. Un consulto medico specialistico potrà inoltre fornirti più indicazioni su quale trattamento effettuare in base alle caratteristiche specifiche della tua pelle.

Un lifting senza bisturi e senza dolore grazie ad Ulthera

Ultherapy è il miglior trattaemnto per tutti coloro i quali non sono idonei o non si sentono pronti per trattamenti più invasivi volti al ringiovanimento, come il lifting o tutte le opzioni chirurgiche, come il lipofilling.
Questo tipo di trattamento può anche essere un’ottima opzione per migliorare i risultati di un precedente intervento chirurgico o per agire sinergicamente con altri trattamenti come i filler, il botulino, il peeling, etc.
Il protocollo Ultherapy si può effettuare tutto l’anno e su qualsiasi fototipo, questo perché gli ultrasuoni arrivano solo dove serve, cioè esclusivamente nei punti prescelti e in profondità, senza però intaccare la superficie della pelle.
Quando è indicato il trattamento con Ulthera:
Durante il processo di invecchiamento del volto, quando siamo in presenza di una perdita del grasso e dei volumi, a cui si aggiunge una debolezza dei tessuti molli più superficiali che tendono, per la normale gravità, a scendere verso il basso.  Per risollevare i tessuti è necessario agire non solo negli strati superficiali della pelle, ma è importante agire in profondità. Ultherapy è l’unico trattamento, non invasivo, che riesce ad agire su diverse profondità, con Ulthera si può trattare anche lo strato muscolare superficiale che prima poteva essere trattato solo con il lifting. La tecnica infatti, sfrutta il calore indotto dagli ultrasuoni su cute, sottocute e muscolo, per andare a stimolare le fibre collagene, cioè quelle proteine che sostengono i tessuti e costituiscono la struttura della pelle.
Che cosa è e come agisce Ulthera:
È un dispositivo medico approvato FDA e certificato CE con il quale il medico esegue il trattamento direttamente nell’area interessata.
Il medico, attraverso un manipolo che emette ultrasuoni, va a stimolare la muscolatura facciale e le fibre direttamente dall’interno, muovendosi in sinergia con un ecografo, egli potrà stabilire quali sono i settori del viso dove è maggiormente necessaria la terapia.

Ultherapy è un protocollo che si avvale degli ultrasuoni microfocalizzati per stimolare la naturale produzione di fibre collagene, le proteine strutturali della pelle che la rendono giovane e tonica.
Gli ultrasuoni bersagliano precise aree del volto per indurre la produzione di nuove fibre di collagene in grado di distendere e tonificare la pelle.
Questo è il rivoluzionario beneficio del nuovo sistema di lifting non invasivo di Ulthera, infatti già dalla prima seduta, della durata di circa un’ora, si innescheranno quei naturali processi di ringiovanimento della nostra pelle, grazie ad un’aumentata produzione di collagene.

Cosa succede al mio volto quando mi sottopongo al trattamento:
Il riscaldamento dei punti causa una contrazione del collagene esistente, questo si traduce in un vero e proprio rimodellamento dell’area. Il risollevamento e il rassodamento dei tessuti con risultati che durano a lungo, anche fino a un anno.  Ultherapy oltrepassa la superficie della pelle per inviare la giusta energia in profondità, solo dove serve. Grazie agli ultrasuoni si va ad agire solo su tessuto cutaneo da eliminare, permettendo al medico di selezionare gli strati dermici da trattare.
Il risultato in genere, è visibile dopo circa 2-3 mesi.
Dopo la seduta si può verificare per alcune ore un lieve arrossamento. In rari casi si possono verificare piccoli lividi o rigonfiamenti, in soggetti sensibili.
Grazie ad Ulthera on si usano bisturi o aghi e non ci sono tempi di recupero, dopo questo formidabile trattamento è possibile riprendere immediatamente le normali attività quotidiane.

Soft lifting del volto contro il rilassamento cutaneo del viso

Con il passare del tempo i volumi del viso cambiano, sia in superficie che profondità la pelle gradualmente perde la sua elasticità, la massa grassa si sposta ed anche muscoli non sono più abbastanza tonici. Quando l’ovale del viso inizia a rilassarsi, a causa della perdita di tono della pelle, parliamo quindi di un processo fisiologico.

Quali sono i motivi per cui, con l’invecchiare, il viso perde la sua elasticità?
Il processo d’invecchiamento del volto denota quindi anche uno spostamento dei volumi dell’ovale, in particolare, nell’area che va dall’angolo interno dell’occhio fino a metà della guancia.
Quest’area, detta anche “valle delle lacrime”, si sposta con un conseguente cambiamento della cornice del viso dando luogo così ad avvallamenti ed ombre, il primo segno del cedimento di tonicità.
Il problema del rilassamento cutaneo del viso può interessare anche donne giovani, già dai 35 anni, in particolare quelle che hanno perso un sostanziale peso corporeo tra i 20 e i 30 anni.
Nella pelle matura, il rilassamento cutaneo del viso si verifica per un fisiologico rallentamento del metabolismo cellulare, dovuto sia al tempo che ai relativi cambiamenti ormonali.
Questo processo di invecchiamento può essere causato o peggiorato anche da uno stile di vita non corretto: una cattiva alimentazione, l’uso smodato di alcool, il fumo o un’esposizione solare eccessiva, possono comportare un danneggiamento del collagene e della struttura cellulare della pelle.

Ecco cosa succede nella pelle:
Nell’ epidermide:
La pelle perde idratazione e si assiste ad una diminuzione della sintesi delle ceramidi, così come un rallentamento del rinnovamento cellulare.
La giunzione dermo-epidermica si appiattisce riducendo gli scambi tra le due sezioni della pelle.
Nel derma:
Le cellule della pelle, i fibroplasti, diventano meno efficienti, la perdita di collagene ed elastina aumenta, causando una perdita di tonicità. La glicazione, ovvero l’irrigidimento delle fibre di collagene, accentua inoltre le rughe e la perdita di elasticità della pelle. Infine, l’acido ialuronico diminuisce e diviene di qualità inferiore, questo si traduce in una perdita di densità della matrice extracellulare, il derma quindi si assottiglia.

Ecco come si manifesta sul viso:
I visi allungati o sfilati tendono a scavarsi, mentre i visi rotondi ad afflosciarsi, con la possibile comparsa di guance cascanti o doppio mento.
Le rughe tra le sopracciglia ed il solco naso-genieno si evidenziano e appare anche una piega “amara” delle labbra.
Non tutte le donne manifestano il medesimo comportamento nel rilassamento cutaneo del viso: un volto con zigomi prominenti ed un mento evidente, invecchierà meglio rispetto ad un volto
meno strutturato.
In un viso giovane l’ovale del volto si presenta con una sorta di forma a “V”, il cui vertice è il mento e gli angoli gli zigomi o le sopracciglia. Con il progredire dell’invecchiamento, questa V si inverte, spostando il vertice della V sulla fronte e la base sulle guance, ormai cadenti. Il viso assume un’aria affaticata e stanca.

Cos’è il soft lifting, e come agisce contro il rilassamento cutaneo del viso:

Il lifting con fili biorivitalizzanti e di trazione, è un trattamento che prevede l’impiego di fili di trazione che vengono inseriti in posizioni strategiche, esercitando un effetto di tiraggio nei vettori dove è presente una mancanza di tono. Questa procedura può essere effettuata su collo, fronte e terzo medio inferiore del volto.
Quando saranno visibili i primi risultati e quanto durano?
Dipende in particolar modo dal grado di invecchiamento cellulare del paziente, ma in generale i risultati sono visibili sin da poche ore dopo il trattamento alle 3- 4 settimane successive, quando cioè il tessuto inizierà a produrre nuovo collagene, elastina e acido ialuronico. I risultati già visibili subito dopo il trattamento dunque, aumenteranno nell’arco temporale di qualche settimana e si
stabilizzeranno per circa 12-18 mesi o anche oltre.
Tempo di recupero post trattamento ed effetti collaterali: In genere gli esiti da post trattamento sono per lo più transitori e possono durare al massimo qualche giorno, si verificano solo nelle procedure più complesse, e consistono in un minimo gonfiore unito a leggeri lividi nei punti di applicazione dei fili.

Quali sono le precauzioni prima e dopo il trattamento?
Prima: E’consigliabile evitare l’assunzione di farmaci anti-infiammatori e alcolici nelle 24 ore precedenti al trattamento
Dopo: Sono sconsigliati gli allenamenti intensi per almeno 7 giorni, è bene evitare l’assunzione di FANS, caffeina e alcolici per almeno 24 ore dal trattamento.